I furbetti di Pioltello. Una vergogna tutta Italiana

 

Deragliamento di Pioltello, sui risarcimenti si avventano gli sciacalli.

[…]qualche abituale pendolare, infatti, che su quel convoglio maledetto neanche c’era quel giorno, ma che ritiene di aver subito lo stesso un torto; o chi quella mattina è arrivato tardi a lavoro dovendo trovare altre soluzioni di trasporto dal momento che la linea ferroviaria era bloccata e, ancora, chi c’era al momento dell’incidente, ma per sua fortuna non riportò nemmeno un graffio, eppure ora lamenta lo stato di shock. Un ricco campionario di presunti danneggiati e sciacalli, insomma, come scrive Il Giorno. Sarebbero “almeno una decina – riporta il quotidiano – le richieste più fantasiose. C’è per esempio la giovane professionista, consulente del lavoro, che quella mattina ha atteso il treno in una stazione oltre Pioltello e che ora lamenta di non essere potuta arrivare in tempo in ufficio. Oppure i due o tre pendolari che quel giorno, a causa del disastro, hanno dovuto prendere treni diversi per arrivare a Milano e vorrebbero veder risarcito il loro disagio. E persino quei quattro o cinque passeggeri che sul Cremona-Milano salgono tutte le mattine ma che proprio quel 25 gennaio non c’erano“.[…]
Fonte: Mediaset Tgcom.

Neanche un po’ di rispetto per le vittime e per i loro famigliari che da quel giorno vivono la loro vita con tanto dolore e un vuoto incolmabile dentro di sè. Italiani.. popolo di furbi incalliti… e pure stupidi direi. Non abbiamo limiti… pensiamo sempre ai milioni di modi per cercare di fregare il prossimo. Politici in primis fino ad arrivare a noi, semplici cittadini. Lo si vede in queste grandi stragi… ma anche nella vita di tutti i giorni. Sono queste le occasioni in cui mi vergogno da morire di essere Italiano.

Condividi l'articolo sui Social:

Un pensiero riguardo “I furbetti di Pioltello. Una vergogna tutta Italiana

  • lunedì 7 maggio 2018 in 14:23
    Permalink

    È in casi come questo che mi vergogno terribilmente di essere italiana!

     
    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + 2 =