La vita è tutta un’illusione

 

ARTICOLO RIPROPOSTO E RIADATTATO NEL TEMPO
Da moltissimi anni esiste una “parolina magica” che è al centro di tutto ciò che gravita intorno al mio mondo e che, col passare degli anni, è diventata un comun denominatore in grado di legare assieme le mie giornate, i miei stati d’animo e le mie emozioni.

In realtà ce ne sono tante di “paroline magiche” che negli ultimi anni mi hanno segnato e che descrivono tutt’ora il mio modo di essere, di vivere e di stare al mondo.
Quella a cui sono più legato e vivo tutti i giorni si chiama illusione.

Potrei diventare leader di tutti quelli che, nelle loro giornate o semplicemente nella loro vita quotidiana, militano puntando e affidandosi in buona parte nelle illusioni. Ci sono varie correnti di pensiero: c’è chi pensa che il mondo e la religione siano un’illusione; c’è chi è convinto che i rapporti interpersonali e le amicizie siano tutte illusioni.

Ma illusioni, per me, sono anche la politica, la voglia di arrivare o essere primi, la competizione di qualsiasi natura verso e contro gli altri, il successo, il gioco, internet e le chat e talvolta (non i tutti i casi) anche i sentimenti.

Persino gli altri possono essere la nostra piu grande illusione: il giocare con gli altri, il conoscere gli altri, l’immedesimarsi negli altri, il mondo degli altri. Non so se esista una breve e chiara definizione di illusione che più si avvicini al mio modo di vederle e di viverle.

Sono arrivato a una conclusione sperimentata sulla mia pelle, cioè spesso le illusioni vengono paragonate e classificate come un qualcosa di negativo e distruttivo e ci viene naturale pensare che sarebbe meglio non esistessero laddove invece esistano. Mi sono reso conto negli anni che avere dei sogni o delle illusioni è fondamentale nella vita di ognuno di noi e che senza le mie illusioni non saprei minimamente come sopravvivere.

Mi illudo sempre di essere una persona forte e decisa, quando poi in realtà sono più fragile di una foglia secca esposta al vento pronta a cadere da un momento all’altro. Mi illudo sempre di poter essere una persona migliore, ma la mia umanità, seguita dalle mie debolezze e dalla mia fragilità, mi porta sempre a convivere con il pensiero e la consapevolezza di essere sempre e solo un passo indietro di quello che vorrei diventare ed essere realmente.

Esistono poi le illusioni che nascono a causa degli altri; per esempio, mi sono sempre illuso e mi illudo ancora adesso della buona fede delle persone; tendo a fidarmi spesso e troppo delle persone e mi ritrovo a pensare che siano tutte per bene, pur sapendo che le cose non stanno proprio cosi. Sin da piccolo ho sempre pensato che le persone possano cambiare, sempre, comunque e incondizionatamente. Col tempo e con l’esperienza mi sono reso conto che questa mia teoria non regge per niente, ma ciò nonostante sia consapevole che le cose non vadano realmente così, tutte le volte continuo a sperare negli altri e ad illudermi di ciò.

Ho l’illusione verso gli altri e conservo sempre quell’idea che il talento, le storie e la vita degli altri siano sempre più belle e migliori delle mie. Vivo con questa illusione perchè mi piace, mi fa stare bene, mi rende incuriosito nei confronti del mondo e di quello che mi sta intorno… ma soprattutto mi fa vedere il mondo con occhi diversi.

Le illusioni possono avere a che fare anche con una passione e con il proprio lavoro. Possono avere a che fare con un’identità simulata quando non ci piacciamo, quando non ci piace la nostra fisicità, il nostro modo di essere o il nostro carattere. Si tenta, con un percorso tutto onirico fatto di sogni, di imitare qualcosa o un qualcuno che non siamo noi. Si verifica spesso quando si vive nella condizione di insoddisfazione personale che ci porta, spesso, ad immaginare di essere un’altra persona. Si vorrebbe essere qualcun’altro per evadere un po’ da se stessi, per dire la propria opinione o per essere fisicamente simile all’altro o essere accettabile e/o accettati. Penso che ognuno di noi abbia pensato almeno una volta nella propria vita di essere almeno per un giorno, oppure anche per qualche ora, un’altra persona. C’è chi magari ha sempre immaginato di essere, per esempio, un leader di una band musicale o assumere i panni di un grande personaggio storico, politico o famoso.

Come si fa a non illudersi quando ci sono di mezzo i rapporti interpersonali con gli altri? Molte illusioni hanno a che fare con i sentimenti, con le amicizie e con l’amore… poco importa perchè sebbene a volte facciano male, è evidente che siano meravigliose e che debbano rimanere tali.

A chi non è capitato di innamorarsi di una persona e magari non essere corrisposti (amori muti)… oppure essere innamorati senza mai dichiararlo all’altra persona, vivendo un amore a senso unico e rischiando e scegliendo di vivere nel rimorso e nel dubbio per tutta la vita per quel legame che non è mai nato? Quante volte siamo rimasti illusi da un’amicizia che non è andata come speravamo perchè le aspettative erano ben altre e forse troppo alte? Quante volte ci siamo trovati sulla linea di confine tra amicizia e amore, senza che nessuno dei due per paura, per mancanza di coraggio, per la poca convinzione, per paura di fare la scelta sbagliata o per paura del pregiudizio di altre persone riuscisse a fare in modo che l’amore prevalicasse sull’amicizia?

Maturiamo illusioni per difenderci da tutto ciò che è reale e che spesso non ci piace. Illusioni che ci fanno vivere, sperare fino alla fine, quelle che ci fanno sognare ad occhi aperti tutti i giorni.

Poi magicamente guardi il mare, il sorriso di un ammalato, il sorriso che uno sconosciuto ci regala quando lo incontriamo per strada, guardi le piccole cose che il mondo ci regala tutti i giorni, e lì, solo lì, ti accorgi di quanto sia meravigliosa la vita con tutte le sue sfumature e sfaccettature.

Mi sento un ragazzo felicemente illuso. Ma alla fine, che siano piccole o siano grandissime, le illusioni sono quelle compagne di viaggio che non ti tradiscono mai; ci danno la sensazione che quello che stiamo facendo non è vano, anche quando queste vengono tradite dalla realtà.

Sono le illusioni che ci permettono di vivere, di morire, di darci la possibilità di reinventarci, di sognare e di sperare
. Le illusioni mi tengono in vita perchè mi danno la possibilità e l’opportunità di pensare che tutto sia possibile. Le illusioni corrispondono ad un mondo che ci rende piu vivi, piu liberi. Senza illusioni l’esistenza e la vita di ognuno di noi è vuota. La mia vita sarebbe insignificante senza “le mie” illusioni.

 

Segui gli aggiornamenti del blog sulla Pagina Facebook.
Vota e clicca sul pollice in su se ti è piaciuto il post. Condividi il mio post sui tuoi profili social.

Condividi l'articolo sui Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + due =