Macchina del tempo

Stamattina, appena alzato, lo sentivo nell’aria che qualcosa sarebbe andato male… e così è stato. Ho litigato con mio padre, una delle più brutte litigate mai avute… è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e non ci ho visto più.. ho iniziato ad urlargli contro per una stupidata che si sarebbe risolta nel miglior modo possibile con tranquillita ..e invece  ero così nervoso e stufo e convinto di quello che facevo e andavo avanti senza fermarmi. Son perfino scoppiato in lacrime, un pianto liberatorio. Era da molto tempo che non mi capitava di piangere così… mi ha fatto anche bene sfogarmi in quel modo. Alla fine tutto si è risolto per il meglio abbracciandoci come non avevamo mai fatto… ha sbagliato, e lo ammette, e ammetto che anche io qualche errore l’ho fatto.. Ma ora voltiamo pagina. Per il resto va bene, oggi non ho fatto praticamente niente, domani ri-incomincio a fare qualcosa per la scuola, dovrei poi andare a comprare i biglietti dell’autobus per settimana prossima, se faccio in tempo andrò anche dal barbiere, altrimenti amen. Ho i capelli talmente lunghi che sono costretto a lavarli tutte le mattine. Settimana prossima si ricomincia il solito tram tram scolastico, e settimana prossima mi daranno, quasi per certo, la pagella. Le prossime vacanze quando sono? Carnevale? O forse Pasqua… Aiuto! Intanto mi viene da pensare al macello, alle cavolate combinate in montagna nei giorni scorsi.. ai video e alle battute stupide. Niente di costruttivo, però dai, ci stavano dentro le ore passate alla play e davanti al pc per cantare. Per non parlare delle ore passate davanti la chitarra e al quaderno degli spartiti a cantare e a suonare. E ancora una volta devo ringraziare infinitamente di cuore i genitori di Nico, i suoi parenti, i suoi vicini.. insomma tutti quanti, per avermi ammesso a casa loro come se fossi un membro della loro famiglia in queste grandi feste. Tutte persone davvero stupende, con un cuore grande grande grande! Un grazie speciale va anche a Chicco e a Greta.. siete grandi! Mi sono divertito tantissimo con loro. Volevo nominare anche la zia di Nico, Carla (detta anche Uda) visto che molto  probabilmente leggerà questa paginetta e quelle precedenti. Grazie mille per tutto!

 
Condividi l'articolo sui Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici + tre =