Scendono le lacrime…

Questi due giorni per me sono stati abbastanza grigi. Ieri la notizia tragica a scuola… il prof Damonte è mancato. Non è mai stato un mio professore questo non significa nulla perchè lo conoscevo bene. Lo vedevo, ci salutavamo, parlavamo del più e del meno… tanto da arrivare a fare un lavoretto con lui per il giornalino. Ci siamo visti sabato al primo intervallo… gli ho consegnato l’articolo del giornalino che ho scritto per lui su un vecchio floppy. Per 10 minuti lo abbiamo corretto insieme… alla fine dell’intervallo però dovevo rientrare in classe e il lavoro di correzione non era finito. “Lasciami il dischetto così per martedì l’articolo è corretto, ci troviamo e te lo do…”. Quello fu l’ultimo giorno che lo vidi. Dovevamo trovarci ieri (cioè martedì), doveva consegnarmi il floppy con l’articolo… invece l’unica cosa che mi è stata “consegnata” è la notizia della sua morte. Nel lasso di quei due secondi ecco sentirmi una scarica di brividi… non ci credo… la sua voce che ancora mi risuona nella mia mente… perchè così tutto velocemente? L’ho visto sabato… ci siamo parlati… abbiamo scherzato.. abbiamo riso… e ora non c’è più. Ogni tanto parlava di suo figlio… lui era contento di suo figlio, diplomato all’Itis e laureato in Infermieristica… era fiero di suo figlio. Lui non vedeva l’ora di andare in pensione… si era progettato mille cose da fare. E’ assurda questa sua scomparsa.. ed è assurdo il tempo in cui abbiamo impiegato a nascere… 9 mesi.. e per morire, scomparire per sempre bastano solamente 2 secondi. Questa cosa mi sta facendo riflettere… tantissimo… Per una fottutissima corsa al Parco Borromeo… ecco a dove si arriva.. il suo cuore non ha retto e si è accasciato a terra senza più niente da fare. E’ intervenuta la Croce Bianca… è intervenuta la mia squadra che era di turno anche alla mattina del primo maggio. Un turno festivo… e io non c’ero… ero in montagna a divertirmi ignaro di tutto quello che in quel momento accadeva alla persona con cui fino al giorno prima ci avevo parlavo e lavorato E’ assurdo… lo sto ripetendo un sacco di volte nella mia mente e sono ancora incredulo. Domani pomeriggio ci sono i funerali… e io ho intenzione di andarci, anche se ho 350mila cose da fare. E ora, con la testa altrove, e credo che in queste situazioni sia del tutto normale, è meglio che vada a studiare sistemi per domani… il prof. di sistemi mi interrogherà. Voglio chiudere questa bruttissima paginetta con questo pensiero: vogliamoci tutti bene adesso, evitiamo le incomprensioni e i litigi… perchè le persone in un modo o nell’altro fanno in fretta a scomparire e a non tornare più… in questo modo si evitano rimorsi vari… e averli significa stare male per tutta la vita. E come qualcuno dice..: i migliori sono sempre i primi ad andarsene…

 
Condividi l'articolo sui Social:

Un pensiero riguardo “Scendono le lacrime…

  • giovedì 4 Maggio, 2006 in 19:50
    Permalink

    Mi spiace tantissimo…è così brutto perdere le persone care…dai..ricordalo cn serenità!
    Cmq…è vero servono 9 mesi x nascere e 2 sec x morire…xò ne vale la pena credo…o no?! 😉 baci..
     
      3ly

     
    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =