Resoconto Notte Bianca

Sicuramente una grande esperienza e grande divertimento sabato 24 alla notte bianca di Milano. Ci siamo divertiti, abbiamo lavorato, abbiamo montato e smontato gli stand, ci siamo presi un bellissimo acquazzone in pieno, siamo stati insieme alla gente, abbiamo conosciuto molta gente “strana” e da qui mi sono reso conto che Milano è popolata da una buona parte da persone fuori dal comune. Uno in particolare, un ragazzo di Bergamo che studia architettura a Milano… un ragazzo pieno di vita, con tanta voglia di vivere che ci ha aiutato moltissimo a vendere bibite, pizze, e birre. Ci sapeva fare moltissimo, un grande direi! Sabato pomeriggio i primi a giungere in P.zza Manusardi siamo stati io, Teo, e il grande Sergio. Abbiamo aspettato un po’, sia per cercare di prendere posto e sia perchè dovevamo aspettare i camion frigo e la ditta delle bibite e della birra. Abbiamo incominicato a montare il tutto verso le 14 sotto un sole cocente e un caldo allucinante, alle 17 sono arrivati gli altri con i furgoni e la prima ambulanza, la 90. Fatto sta che siamo riusciti a finire verso le 19, con gli stand, con i frigo e i camion frigo che andavano a manetta, con la panca e le sedie… e con tanti cartelli, alcuni anche buffi, che richiamavano l’attenzione dei passanti. Verso le 20 si è alzato un vento fortissimo e sono venute giu le prime gocce di pioggia. Dopo aver staccato praticamente la corrente è iniziato a venire giu il ben di Dio. Acqua a volonta come se ci stessero tirando delle secchiate dall’alto, cielo nerissimo, vento fortissimo che stava portando via tutto e noi sotto agli stand con le tendine abbassate tutti bagnati a cercar di tenere con tutte le nostre forze i gazebo. Acqua, tantissima acqua… tuoni, lampi… un vento forte e la piazza deserta. Dopo tre quarti d’ora è tornato tutto alla normalità ma il timore che la piggia avesse rovinato tutto c’era… invece c’erano tante persone…  sicuramente molto meno rispetto a quelle che c’erano in centro. In serata poi è arrivata un’altra squadra con la seconda ambulanza, la 91. Per attirare la gente abbiamo lasciato andare per qualche minuto i lampeggianti e per qualche secondo le sirene. Abbiamo incominciato a smontare tutto verso le 4 quando ormai la nostra zona si stava impoverendo di persone “sane” e si stava arricchendo di ubriachi. Dopo aver smontato tutto, io, Teo e Sergio siamo partiti per tornare a casa facendo prima una sosta alla CB di Milano sezione Centro per lasciare giu gli avanzi delle bibite e i cartoni ancora chiusi. Siamo arrivati nella nostra sede che erano le 4 e mezza e sono tornato a casina che ormai erano le 5. Tornato a casa, dopo aver portato a spasso la mia Laiketta, mi sono sdraiato sul letto e ho dormito due orette, poi mi sono svegliato e sono andato a votare. Domenica pomeriggio passato in CB a far compagnia a Sergio che aveva il turno. Mi sono davvero divertito tantissimo, una bella esperienza e se si dovesse fare ancora (forse ce n’è un’altra verso settembre-ottobre) io ci sarò. Sono state 13-14 ore lunghissime… ma ne è valsa la pena!

 
Condividi l'articolo sui Social:

Un pensiero riguardo “Resoconto Notte Bianca

  • mercoledì 28 Giugno, 2006 in 10:51
    Permalink

    Bravo…davvero…deve essere stata una bellissima esperienza, peccato che non sia potuta venire,sai sti esami…ero venuta a cercarti domenica…ma ora ho scoperto che eri alla croce bianca…sarà x 1 altra volta…1grosso bacio!!!

     
    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 + 17 =