Chasing Cars

Come tutti gli anni, sempre in questo periodo, c’è qualcuno che a casa mia si degna di fare l’albero di Natale. Sempre lo stesso albero da ormai più di 4 anni, stesse decorazioni… sono le luci che tutti gli anni fanno i capricci. Ce nè sempre una che non va o magari qualcuna rotta… e ti ricordi della tanta cura usata per riporre le luci nello scatolone alla fine delle feste dell’anno scorso… ma quella cura, probabilmente, è servita a poco e niente. Solito cestino sotto l’albero, quel cestino che inizialmente è vuoto e pian piano che si avvicina il 25 dicembre si riempie, così magicamente, di regali. Solito periodaccio di verifiche a scuola, solito stress per le interrogazioni… si fanno poche verifiche durante il quadrimestre lasciando alle volte buchi durante le settimane.. arrivando gli ultimi periodi prima della fine del quadrimestre a lavorare il quadruplo per cercare di portare a casa un misero 6 e cercare soprattutto di non rimanere indietro. Ci si mette di mezzo anche l’esame della patente, già quella… un esame a cui non sto dando particolare importanza… ma che so già che quando mancheranno due o tre giorni all’esame stesso andrò in panico, mi autocolperò di non aver fatto abbastanza durante questi mesi e mi ammazzerò di lavoro recuperando quello che non ho fatto sperando in un risultato sufficiente. Mi conosco troppo bene, lo so… sono un pirla, non c’è altro da aggiungere… in questo ultimo periodo sto capendo pian piano cos’è lo stress. Quello che ti porta a farti un pianto di un’ora per una cazzata minima, quello che ti fa sentire sottoterra per una minima cosa andata storta, dimenticandoti delle 100 andate bene. E ciò che magari non ti aiuta è questo fatto… puoi fare 200 cose buone, ma se contemporaneamente ne fai anche una sola sbagliata, agli altri viene nota solo quella… oppure, detta in un ‘altro modo, proprio come diceva un vecchio saggio .. “fa più rumore un solo albero che cade, che una intera foresta che cresce”. Ora è meglio che vada a fare qualcosa di più costruttivo per la scuola. Posto una cosa che ho scritto ieri mattina in un momento di riflessione mentre stavo ascoltando una canzone degli Snow Patrol – Chasing Cars…: ho imparato ad odiare, ad amare, a cadere e a soffrire. Ciò che non voglio smettere di imparare è continuare a credere, a sorridere… a sorridere nella vita, nel mondo… e non voglio mai smettere di emozionarmi… mai, mai e poi mai!
Buona vita a tutti!

 
Condividi l'articolo sui Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 − uno =