Primo giorno di scuola

Stanotte avrò dormito sì e no un 4 ore e mezza e stamattina i risultati si sono visti… la sveglia del cellulare è suonata alle 6.15 e ho faticato non poco per aprire gli occhi e alzarmi del tutto dal letto. Stavo pensando poi alla discussione che ho avuto con mia sorella ieri sera sul tardi, io non avevo sonno, lei nemmeno, ci siamo messi a parlare del più e del meno, della scuola, delle amicizie, insomma di tutto. E’ raro che io e mia sorella parliamo seriamente, di solito più che parlare litighiamo… lei è abbastanza dispettosa, però ieri mi ci sono trovato abbastanza bene. Mi ha raccontato un po’ di cose, è sempre piacevole comunque prendere la parte dell'”ascoltatore”. Consigli zero, meglio che non ne dia, non so cosa dire su alcune cose, però su altre se ne può parlare insieme. Pensavo anche a un rientro a scuola traumatico, lo è stato infatti, ma non come immaginavo. Quando incontravo le stesse facce mi veniva da pensare “che palle ritornare alla normalità”, mentre all’inizio delle vacanze, sempre sul blog, avevo scritto che le “facce di tutti i giorni” ovvero le persone con cui condividevo le mie giornate scolastiche (professori, compagni, bidelli, ecc…) mi sarebbero mancate in questa lunga vacanza. Ma è stato così per i primi 2 giorni, dopo mi ci sono abituato. E così è andato anche questo primo giorno di scuola del 2007, è stato tranquillo, forse anche troppo; per un pelo non mi addormentavo sul banco durante le lezioni di tele e elettrotecnica. Stamattina poi, mentre mi incamminavo per andare a scuola, col cappotto pesante e il freddo pungente, cappellino di lana e auricolari nelle orecchie, immerso nel buio di prima mattina con le luci deboli e offuscate dei lampioni di via San Carlo, ho trovato così per caso nei tabelloni allestiti dal comune l’epigrafe della signora che abbiamo soccorso sabato pomeriggio in un servizio passato in transito. E’ stata una corsa disperata, ma purtroppo non c’è la fatta…

 
Condividi l'articolo sui Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − 8 =