Addio 2007

Sarebbe stato più giusto scrivere questa pagina ieri o l’altro ieri ma ero impossibilitato a farlo a causa delle mie condizioni e a causa della mia poca voglia. Addio 2007, un anno che per me è passato in un soffio. Eppure mi sembrava quasi ieri l’ultimo capodanno a cavallo tra il 2006 e il 2007, ormai più vado avanti e più perdo la cognizione del tempo. Capisco ora le parole di parenti e amici di famiglia di quando ti ritrovi a 30-40 anni in un soffio… magari con una famiglia e ricordi come se fosse ieri la tua adolescenza. Da qualche anno è così anche per me, gli anni mi passano velocemente e sono sicuro che passerà ancor più in fretta del 2007 anche questo nuovo anno iniziato allo scoccare della mezzanotte. Altamente positivo e lievemente negativo. Posso così riassumere per conto mio questo 2007. Tante le difficoltà incontrate, superate credo con dignità e successo. Pochissime ma importanti le svolte della mia vita, come per esempio la scuola, la fine di giugno è stata un po’ sofferta ma positiva, l’inizio di settembre un po’ difficoltoso. Però sono quasi alla fine e il 2008 dovrebbe essere l’anno (se tutto va bene) del cambio della mia rotta di studi, intraprendere la strada di ciò che voglio realmente fare, mettiamola così, “da grande”. L’elettronica non mi da più soddisfazioni, non mi interessa più l’elettronica scolastica… non mi piace più… se potessi tornare indietro sceglierei un’altra scuola. Dal tronde la colpa non è neanche mia ma di quelli che obbligatoriamente a 13-14 anni ti fanno scegliere la “scuola della tua vita”. Ma a 14 anni si è veramente ancora troppo piccoli per prendere decisioni simili e i pareri dei genitori alle volte non bastano. Ed ecco che poi, andando avanti conosci nuovi ambienti, nuove persone, nuove professioni… e ci si trova nella mia stessa situazione. Al giorno d’oggi credo che i migliori lavori che offrono  garanzie maggiori rispetto ad altri sono tutto ciò che gravita nel mondo ospedaliero (quindi dalla medicina, all’infermieristica, alla fisioterapia, ecc). Dal tronde in qualsiasi ospedale si vada c’è emergenza del calo di infermieri (da quest’anno viene anche aumentato lo stipendio a tutti gli infermieri). Un’altra strada veramente buona, con tante tante garanzie e con un futuro veramente ottimo è la carriera militare. Fare un’accademia militare ti spalanca le porte al futuro con un lavoro che poi puoi scegliere… (dalla Guardia di Finanza, Arma dei Carabinieri, Esercito militare, ecc) ed è un lavoro difficoltoso ma assicurato. Uno dei miei obiettivi è quello di raggiungere il mio traguardo, quello di entrare all’università e farmi i miei 3 anni, prendere la laurea in infermieristica e iniziare a lavorare in qualche reparto e poi magari più avanti fare il master in area critica. Ci vuole fegato e coraggio, però mi piace veramente tanto… e spero di arrivare, col giusto tempo, alla fine. Se tutto va bene (innanzitutto mi interessa uscire anche con il solo 60 dall’itis) e con la speranza di passare il test di ingresso quest’anno dovrebbe essere l’inizio di tutto. Ai miei piace la scelta che ho fatto… ed è stata soprattutto mia madre ad appoggiarla e a darmi la spinta per portarla avanti. Altro punto fondamentale sono le amicizie. C’è stata un po’ la svolta da considerarla un po’ negativa. Si sono interrotti o allentati certi rapporti di amicizia che da anni mi porto indietro. Alcuni non li vedo più da mesi e mesi e a stento li sento tramite vie alternative (pc, telefono) dopo settimane e settimane. Non è una cosa molto positiva, ma credo sia più che normale.  Ognuno ha facoltà e il diritto di prendere nuove strade, di conoscere nuova gente, frequentare nuovi ambienti, di organizzare o andare in posti con persone nuove, con nuovi amici. E’ giusto ampliare le amicizie e frequentare gente nuova e diversa. Ma credo che ritrovarsi tutti quanti assieme come ai vecchi tempi per una serata al cinema, una pizzata in compagnia, o una gita fuori porto non faccia male a nessuno. Serve anche a non dimenticarsi… ma deve essere una cosa spontanea e voluta… e non un obbligo solo perchè scritto qua piuttosto che detto a voce. Anche io quest’anno ho avuto modo di ampliare e allargare le amicizie e le conoscenze nell’ambiente extrascolastico che più frequento. E su questo fronte è stato un anno veramente eccezzionale! Nella seconda metà del 2007 ho avuto anche l’occasione di conoscere, inizialmente in un modo molto strano, la persona che ritengo sia la più giusta e la più speciale x me. Quella ragazza che ha qualcosa in più rispetto le altre… la mia principessa!! Sono veramente felice… sapevo che da qualche parte esisteva… e il 2007 è stato l’anno buono. Ora di certo la terrò forte forte forte e non la farò scappare via così facilmente!!! Il 29 Dicembre è stato il mio onomastico… ma nessuno se l’è ricordato… (nemmeno io)… l’ho scoperto stamattina probabilmente non è un santo così iportante da ricordarsi. Il 22 novembre… e aggiungiamo anche il 27 dicembre… due giorni neri da buttare nel dimenticatoio. E’ positivo anche il bilancio di tutto ciò che ha costituito la Croce Bianca, a maggio ho dovuto fare un corso teorico e pratico sull’utilizzo del Defibrillatore Semi automatico.. il D.A.E. passato egregiamente… ho dovuto però mettere in pratica il tutto nella realtà in un pomeriggio di fine giugno, trovandomi realmente con una paziente vero da defibrillare perchè in ACC… (e non con un manichino come al corso e all’esame). Il 2007 è stato l’anno in cui sono stato male durante un servizio… per il troppo caldo (era estate) e per il groso sforzo fatto precedentemente in un servizio urgente. L’unica volta che ho rischiato in vita mia di svenire… wow, che emozione!! Come non dimenticare quel sabato 22 settembre… il mio primo incidente stradale… per giunta, cosa strana, fatto in servizio durante un intervento in codice Rosso a Cesano all’altezza dell’incrocio della comasina tra Bovisio e Limbiate. Grandissima botta, tanti lividi e tanto tanto spavento da parte mia e dei miei colleghi… ma fortunatamente senza gravissime conseguenze. E’ stata la volta buona che si è deciso di cambiare l’ambulanza 99 (la Brianza 36) e a breve infatti arriverà una nuova super tecnologica ambulanza. Ieri tra l’altro ho passato il capodanno (con la mia principessa in primis) facendo il turno. Le uscite non sono state tantissime (a parte quella delle 23:58 dove i miei colleghi allo scoccare della mezzanotte hanno brindato in ambulanza mentre uscivano dai box per una ragazzina 15enne ubriaca marcia e in stato confusionale) 3 in tutto, ma ci siamo veramente divertiti. Cenone fantastico, compagnia veramente ottima. Alle 5 meno un quarto, andati via tutti gli ospiti extra del turno, ci siamo messi tutti quanti sul divano a sparare stupidate con la radio accesa. Mi sono addormentato in una posizione scomodissima per un’oretta… per il resto ero in dormiveglia… c’era chi, come me si era addormentato/a… e chi, non aveva minimamente voglia di dormire e si divertiva a sparare stupidate. Tra l’altro avevamo anche i letti… ma abbiamo preferito stare sul divano in una posizione scomoda tutti vicini vicini con la copertina. Sono quelle stupidate che si fanno tutti insieme… e ora però la mia schiena ne risente. Alle 7:27 (mezz’ora prima di smontare dal turno) arriva la chiamata al 118 in Giallo. Servizio abbastanza tosto, ma non per noi della Brianza 56 con infermiere a bordo. Servizio che si è risolto con il trasporto del paziente, sempre in codice Giallo, all’ospedale San Gerardo di Monza. E anche per questo nuovo anno abbiamo salvato una persona, la prima di una lunghissima lista. Ritorno in sede.. ore 08.30 dove ad aspettarci c’erano i colleghi del turno notturno tutti assonnati e quelli del cambio. Alle 9 ero già a casa sul letto… mi sono addormentato verso quell’ora per poi svegliarmi alle 17.30… Praticamente mi sono “mangiato” quasi tutto questo primo giorno dell’anno. Ma siccome mi sento ancora abbastanza rincoglionito dalla serata di San Silvestro penso proprio di non far tanta fatica a riaddormentarmi stanotte… unico problema il mal di schiena ereditato dalla nottata seduto sul divano. Passerà… così come è passato velocemente questo 2007….

 
Condividi l'articolo sui Social:

Un pensiero riguardo “Addio 2007

  • mercoledì 2 Gennaio, 2008 in 11:15
    Permalink

    Quando sei innamorato, ti senti più forte di Superman: potrebbero arrivare anche Diabolik, Lupin e il Diavolo a rubarti l’anima.. ,ma tu faresti spallucce e gli sghignazzeresti alle spalle, che tanto non c’è nient’altro che conta veramente…

     
    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × uno =