Cara dolce Italia

E’ passata esattamente una settimana dai festeggiamenti del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. Questo evento mi ha fatto riflettere, non tanto per le affascinanti impronte storiche che questa Nazione conserva da secoli, quanto per il presente; che cosa ci rende così fieri di essere Italiani? Devo dire che  personalmente ho viaggiato poco all’estero, ma quelle poche volte in cui ho oltrepassato il confine italiano per più giorni devo ammettere che l’Italia mi è sempre mancata. Dal cibo, alla tv, dalla musica ai libri… alle città, all’aria… alla nostra lingua, alla nostra mentalità che solo noi abbiamo… e per altre mille cose. Dovunque ero, avevo un pezzo di Italia nel cuore; spesso quando si vive in un posto, la routine prende sopravvento e non ci si accorge, o per lo meno, diamo per scontato alcune piccole cose. Ma quando ti allontani dal tuo paese cambia tutto e le cose risaltano di più; ho l’opportunità di poter viaggiare tramite l’Università degli Studi di Milano con l’Erasmus; ma non ho fatto domanda. Benvenga e beate le persone che riescono a viaggiare a lungo e da sole, io il solo pensiero di star lontano da casa, di star lontano dalle mie abitudini mi fa stare male; non riesco a sopportare la lontanaza di casa per non più di 3/4 giorni, figuriamoci in un arco di tempo che va da 4 mesi in avanti. Sono comunque consapevole di questa grande opportunità di vita che mi perdo e il fatto di andare a vivere temporaneamente in un’altra città diversa, il fatto di interfacciarmi con altre persone… altre culture… altra lingua. Il fatto di vedere e vivere i loro ambienti lavorativi o di fare esperienza all’estero un po’ mi spaventa. Eppure non ho mai dimostrato questo mio grande attaccamento alla patria; o meglio, sono attaccato ma non lo do a vedere di certo tutti i giorni. Si sa che… l’Italia è  l’Italia!!! Con le sue bellezze naturali, con la sua storia… con la sua cultura e il suo popolo inimitabile. E’ un grande paese ospitale, basti vedere semplicemente ciò che avviene a Lampedusa in questi giorni. C’è chi non si sente orgoglioso di essere Italiano prendendo come scusa la classe politica che ci rappresenta, e chi si sente Italiano ed è fiero di esserlo solo per una questione calcistica, quando la Nazionate Italiana vince un mondiale o un europeo che sia. Poi però se va male e perde, a volte ci vergognamo di esserlo per la pessima figura (sempre calcistica) che abbiamo dato agli occhi degli altri. Potete dire tutto quello che volete, ma L’Italia ha tante cose positive. Per esempio, ha il corpo militare più bravo e più specializzato del mondo. I corpi militari dello stato sono tanti, vanno dalla Polizia ai Carabinieri alla Guardia di Finanza, passando facilmente dagli alpini ai militari che attualmente sono impegnati nelle zone di guerra che stanno facendo missioni di pace, ma sono davvero tanti i corpi militari, quelli che tutti i giorni rendono grande onore al nostro paese. Sono da ricordare i tantissimi militari impegnati in Afghanistan, molti dei quali sono morti… morti per difendere una missione prettamente patriottica ed è bene ricordarlo. La nostra Protezione Civile è di esempio a tutto il mondo e pochi lo sanno, è un orgoglio indescrivibile… ci sono organizzazioni di altri paesi che vengono in Italia per apprendere le nostre tecniche per i vari soccorsi utilizzati nei momenti di emergenza. La possiamo quindi considerare come una scuola nel mondo. Inoltre, credo che essere italiani sia un valore aggiunto in qualunque cosa, siamo sempre i numeri uno in tutto. Quando viaggiamo all’estero, veniamo sempre visti con un occhio di riguardo. E’ come se noi fossimo una pulce in tutto il mondo, ma siamo riconosciuti per il nostro fantastico stile che molti cercano di imitare pur non riuscendoci. Ciò che ci contraddistingue non è solo il modo di approccio alle cose, ma al taglio che gli diamo in tutto… nel cibo, nel vino, nei tessuti, nei manufatti… in ogni cosa che facciamo, come vogliamo farla, viene bene. E cosa c’è allora di cui vergognarsi? E’ bello girare nelle città e vedere pullman stracolmi di turisti che fotografano e colgono anche la più piccola cosa, per noi insignificante, come bellezza assoluta. Io nel bene o nel male sono fiero di essere Italiano. Come si vive in Italia non si vive in nessun altro paese del mondo. Noi facciamo la moda per tutto il mondo, ci invidiano e copiano l’architettura (basta andare a San Pietroburgo dove i palazzi più belli sono stati disegnati da i nostri architetti bergamaschi) e il cibo (pur non riuscendoci, andate all’estero a mangiare la pizza o un bel piatto di pasta… e poi mi riferirete). Non solo sono fiero di essere italiano, sono anche felice e fortunato di essere nato quì. Unica pecca da registrare: purtroppo l’Italia sta diventando uno stato che si crede inferiori agli altri…. la colpa è tutta nostra, siamo noi che crediamo di esserlo. Ma noi non stiamo al di sotto di niente e di nessuno, anzi, l’Italia è un paese invidiato da tutto il mondo. A me questi pochi elementi mi bastano per essere fiero del mio paese. Ti amo Italia!!!

 
Condividi l'articolo sui Social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 6 =