Pronto Soccorso, sto arrivando!!!

Domani inizia una nuova avventura. Durerà fino alla fine del mese di febbraio, dopodichè full immersion di esami. Meno male, dico io, diciamo che ero stufo della routine che si era creata durante le lezioni in università. La cosa che più mi spiace lasciare sono i momenti allegri di grande risate con alcuni dei miei compagni di corso. La cosa che invece mi rallegra abbandonare seppur temporaneamente sono invece certe facce, certi comportamenti insopportabili, certe dinamiche da “asilo mariuccia” dove alcune persone si rendono protagoniste in assoluto. Già, dovrebbe essere strano e “inusuale” per un Corso di Laurea formato da ragazzi maggiorenni prossimi alla laurea. Devo dire che qualche giorno fà, subito dopo aver “scoperto” le sedi e le mete di tirocinio di questa prima sessione da studente del terzo anno, sono rimasto amareggiato. Per quanto riguarda l’area critica puntavo alla Rianimazione, ma speravo di farla l’anno prossimo. Ero convinto di essere assegnato in questa prima sessione di tirocini alla Psichiatria. Invece i ruoli si sono capovolti, l’area critica me la becco ora ma non in Ria, bensì in Pronto Soccorso. Oggi, alla vigilia del grande inizio a pensarci bene il PS non è poi così male, prenderò ciò che è buono e me lo porterò a casa. Magari tra due mesi sarò qui a rimpangerlo. Diciamo che la voglia e la curiosità è tanta. Si inizia con il mattino, dalle 7 alle 14.30. Per quanto riguarda la struttura è lo stesso ospedale dove nei mesi estivi, per tre mesi consecutivi, ho turnato. E speravo di non tornarci più per una serie di motivi. Altro tasto dolente. E’ bello rivedere le vecchie facce… vecchi locali… vecchie strade… ma con esse anche i vecchi ricordi. Oggi pomeriggio sono andato a prendere le chiavi dell’armadietto e guarda un po’: stesso locale, stesso armadietto, stesso mazzo di chiavi, stesso numero: il 17. Sembra tutto fatto apposta. Già che c’ero sono passato nel vecchio reparto di medicina a salutare la mia vecchia assistente di tirocinio, non nascondo che entrando in quel lungo corridoio siano usciti vecchi ricordi, tenuti chiusi fino al momento prima come se fossero in uno scatolone ben sigillato da un nastro resistente. Tutto amplificato poi quando l’occhio è caduto per “sbaglio” nella salettina provvista di sedie, tavoli e divanetti. Già, quei divanetti… e poi quel parcheggio… il sotterraneo che va agli spogliatoi… gli ascensori dove non so quante miliardi di volte ho usato. Dal tronde ci ho passato tre mesi, non tre giorni. Ricordi belli e brutti, felici e tristi. Pensavo fosse ormai un capitolo chiuso. Mi sbagliavo… ma… fa parte del gioco :-). Malinconia a parte, la carica e la motivazione per riprendere il tirocinio c’è. Chissà domani cosa mi aspetterà…

 
Condividi l'articolo sui Social:

2 pensieri riguardo “Pronto Soccorso, sto arrivando!!!

  • lunedì 28 Novembre, 2011 in 22:08
    Permalink

    Vedrai che tutto andrà bene…La vita è fatta anche di seconde opportunità…E questa è un’occasione per dimostrare che si può fare meglio di prima..In bocca al lupo!
    Evey

     
    Risposta
  • giovedì 1 Dicembre, 2011 in 22:04
    Permalink

    Nella vita bisogna dare sempre una seconda possibilità… tranne quando ci sono di mezzo la fiducia e i sentimenti.. in quel caso è giusto non darla, e andarsene… trovare nuovi spazi, nuove persone. Per il resto… crepi il lupo cattivo, ti aggiornerò su come andranno le cose. Un bacio

     
    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 4 =